Blog

Esplora il mio blog per scoprire gli ultimi sviluppi nel campo della fisioterapia, dell’osteopatia e dell’analogia, e ottieni consigli pratici e personalizzati per superare i tuoi limiti fisici e raggiungere il massimo benessere.

4.9 Facebook Rating

Leggi le recensioni

Fabio Boris Danisi

La cura del corpo e della mente

Boris Danisi, 56 anni, si occupa di fisioterapia, osteopatia e terapie olistiche e pratica questa professione a Bari e Acquaviva delle Fonti. La sua passione per l’Oriente lo ha portato a espandere le sue conoscenze nel campo delle tecniche di massaggio orientale, come Shiatzu, Ayurveda, Thai, riflessologia plantare e Reiki; è esperto di linfodrenaggio Vodder; si occupa inoltre di fitness: è allenatore Coni e istruttore di diverse attività come walking, fit boxe, total body, body sculpture e life pump.

In tanti anni ha sperimentato che l’integrazione di queste tecniche può aiutare il paziente a ritrovare il benessere grazie al riequilibrio mente-anima-corpo, stimolando le capacità curative insite in ognuno di noi. «Cuore e passione per quello che faccio sono le prerogative principali del mio lavoro», dice, e in effetti l’amore e la passione per il suo lavoro è evidente non solo mentre ne parla, ma anche mentre dialoga con i clienti.

«L’osteopatia guarda il sintomo più olisticamente, provando a cercare e intervenire sulla causa della sintomatologia, che può essere un problema al fegato, una implicazione intestinale o anche un fattore psicologico». Insomma, è un modo diverso di curare il corpo e la mente delle persone: «Non riparo i guasti in un organismo sopprimendone i sintomi, e nemmeno ni limito a prescrivere rimedi naturali o omeopatici.

La mia è una modalità di approccio diversa, sicuramente biologica, nel senso che biologicamente cerco di comprendere da dove arriva il sintomo e poi ci lavoro manualmente. Se invece il sintomo deriva da qualcosa di emozionale, allora faccio una visita da analogista, usando “l’ipnosi dinamica”: una sorta di dialogo dinamico con l’inconscio, che spesso riconduce di fronte al proprio io bambino.

In questo modo definisco gli eventi che creano il disagio alla persona». Quanto abbiamo vissuto negli ultimi tre anni, dal Covid in poi, di certo ha aumentato le problematiche. «In effetti si riscontra una maggiore ansia e tanta solitudine. Molta gente sembra fuori dal mondo, non riesce a lasciarsi andare, ha paura di tutto, non solo delle malattie, ma anche del contatto, sia quello fisico che quello emozionale.

E si è molto più arrabbiati. Sotto stress le persone fanno spesso uscire il peggio di sé, e questo accade soprattutto a chi non ha lavorato per risolvere le tensioni e i conflitti dell’età infantile della sua vita». Purtroppo nemmeno le generazioni più giovani sono immuni da questi problemi: «Anche nei bambini piccoli si nota che i genitori hanno trasmesso le loro paure accumulate in questo periodo.

E in questi casi va fatto un lavoro sia con i bambini che con i genitori». Boris Danisi utilizza i sistemi di Stefano Benemeglio e insegna in una scuola di osteopatia a Bari. Le sue cure non richiedono tempi lunghi: «In genere con due-tre sedute si hanno buoni risultati, ma non essendoci protocolli, tutto è soggettivo. Di certo non ho interesse a imporre dieci sedute, non sarebbe nemmeno gratificante per me».

Featured Post